lanier-web

Open-Source o Maoismo digitale? Jaron Lanier si schiera contro gli open-content

Open-Source o Maoismo digitale? Jaron Lanier si schiera contro gli open-content

Open-Source o Maoismo digitale? Jaron Lanier si schiera contro gli open-content affermando che: «il dogma politicamente corretto secondo cui l’open source è ipso facto la strada migliore per la creatività e l’innovazione non è supportato dai fatti». Lanier si autodefinisce un “umanista dal cuore tenero” ed è impossibile non soffermarsi a riflettere di fronte alla profondità di certe sue affermazioni. Noto per il suo eclettismo il prismatico Lanier, da par suo, analizza quanto sta accadendo nel mondo digitale con spietata lucidità e con uno sguardo critico costantemente vigile. Sul tema dei contenuti liberi osserva: «è sotto gli occhi di tutti: molte delle persone che riversano contenuti liberi sulla rete non ne traggono alcun guadagno! (…) invece di redistribuire cioè il benessere, idea base del web social, lo abbiamo concentrato nuovamente. Sul momento sembrava una rivoluzione, nel lungo periodo però la società smette di funzionare». Ciò che da subito ha catturato la mia attenzione nei confronti della sua Weltanschauung, è che Jaron Lanier, pur senza alcun tipo di snobismo o narcisistico autocompiacimento, si distacca dalla cultura di massa, dall’omologazione pervasiva nella quale Internet stessi ci ha gettati. La sua cultura è ampia e scavarvi dentro non è impresa da tutti. Una sfida, insomma, di quelle imperdibili, per tipi come me.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *